Podere Castelmerlo, un wine resort in Valcalepio

Siamo arrivati a Villongo nel tardo pomeriggio di sabato con meta Podere Castelmerlo, uno dei principali produttori dei DOC Valcalepio evolutosi da un paio di mesi in wine resort.
Aperto a settembre 2016, è il frutto del restauro architettonico del vecchio Castello di Villongo risalente al XIV secolo. Marmo travertino, una palette di colori neutri e legno gli elementi caratterizzanti delle parti comuni e delle camere. L’unica nota di colore è il rosso che, nonostante non ami particolarmente ho trovato abbastanza adeguato. Le suites sono caratterizzate da bagni firmati Dornbrach e letti Hastens, letti artigianali realizzati con materiali naturali. Noi abbiamo soggiornato nella Camera Argenteus, l’unica di tutto il Castello a presentare al suo interno una configurazione architettonica ad archi che definiscono l’ingresso del bagno e della cabina armadio separata dal resto della camera. La piscina e il giardino sulle vigne completano la struttura.
Con l’ambizione di offrire non solo accoglienza, ma di essere un vero e proprio contenitore culturale dove arte, cibo e tradizione si fondono in un concentrato di Made in Italy di eccellenza, la struttura dispone anche di un ristorante, L‘Etolie, il cui menù è stato realizzato in collaborazione con Davide Oldani.
La carta cambia trimestralmente seguendo il corso delle stagioni. Un piatto su tutti? I casoncelli rivisitati con ripieno di manzo, salsa di burro e nocciole, pancetta e salvia cotti separatamente per non appesantire il piatto.
Annunci